Cabtutela.it

Un protocollo d’intesa per la costituzione di uno sportello di assistenza e orientamento notarile in favore della Città metropolitana di Bari e di tutti i Comuni dell’area. L’accordo, che prevede la gestione dei rapporti con gli iscritti al Consiglio notarile di Bari per la fornitura di servizi gratuiti relativi al settore, è stato siglato dal sindaco Antonio Decaro e dal presidente del Consiglio notarile di Bari, Bruno Volpe.

“Con questo protocollo la Città metropolitana intende offrire un servizio in più ai 41 Comuni dell’area metropolitana barese – è stato il commento di Decaro a margine dell’incontro – Mentre da un lato le responsabilità e gli adempimenti per gli amministratori locali aumentano e si fanno sempre più complicati, la Città metropolitana, nelle modalità in cui l’abbiamo sempre intesa, come una sorta di consorzio tra Comuni, cerca di fornire nuovi servizi ai Comuni e ai sindaci, che spesso devono districarsi tra procedure complicate e fondi sempre insufficienti. Per questo mi piace sottolineare che questa consulenza sarà a titolo totalmente gratuito per tutti i sindaci, che potranno sottoporre all’attenzione dei notai dell’ordine di Bari le procedure su cui sono impegnati e chiedere consigli o consulenze senza aggravio di ulteriori spese per l’ente. Voglio, infine, ringraziare il consiglio notarile di Bari e il suo presidente Bruno Volpe per aver colto senza esitazioni l’esigenza della Città metropolitana e del suo territorio: con questo atto sanciamo nei fatti l’apertura di una professione alle comunità e ai loro rappresentanti”.

Un commento soddisfatto e positivo, a cui fa eco quello dello stesso presidente del Consiglio notarile di Bari: “Noi abbiamo accolto immediatamente l’invito che ci è stato formulato dalla Città metropolitana a collaborare per tutte le attività che possono avere attinenza con il notariato – ha spiegato Volpe – In questo momento in cui si parla molto di semplificazione delle pratiche burocratiche, noi come Consiglio notarile di Bari abbiamo dato la più totale disponibilità nell’ambito delle nostre competenze a tutti i Comuni che fanno parte della CBM, essendo abituati ad avere collaborazioni con il pubblico in qualità di pubblici ufficiali e il nostro obiettivo è quello di fornire certezza e sicurezza aiutando i cittadini. Negli anni scorsi abbiamo sottoscritto un altro protocollo con la Regione Puglia, per quel che riguarda le competenze notarili che possano essere utilizzate nei provvedimenti legislativi a emanarsi. Abbiamo anche attivato un servizio di consulenza gratuita, al fine di fornire un servizio ai cittadini. Oggi abbiamo siglato un accordo che avvia uno sportello che si adeguerà alle formalità richieste da parte dei singoli Comuni a seconda che le richieste siano deliberate, da deliberare o attuate. Per tutte quelle attività che potranno avere un riscontro o un ritorno o una richiesta di intervento, anche marginale, di tipo notarile, siamo disponibili a fornire gratuitamente tutti i servizi, comprese le eventuali formalità. Si tratta di un ottimo programma che ritengo avrà un efficace ritorno sotto il profilo sociale”.

Nell’ambito dell’accordo sottoscritto, la Città metropolitana di Bari agirà per la promozione dell’iniziativa fra i Comuni e la diffusione di ogni comunicazione che dovesse pervenire in merito dal Consiglio notarile. Dal canto suo, quest’ultimo  provvederà, invece, alla diffusione fra i propri iscritti della presente iniziativa, le finalità sottese e le modalità di attuazione; alla trasmissione alla Città metropolitana di Bari di un apposito elenco in cui sono riportati i nominativi e i punti di contatto dei singoli notai che intendono aderire all’iniziativa e all’aggiornamento, con cadenza almeno semestrale, di tale elenco, sulla base delle eventuali ulteriori disponibilità o cancellazioni.

Le attività connesse e conseguenti alla sottoscrizione del protocollo si svolgeranno con modalità concordate, di volta in volta, fra il singolo ente richiedente e il singolo notaio e nel rigoroso rispetto della normativa nazionale e regionale in materia di contenimento della diffusione del Coronavirus, privilegiando modalità di contatto a distanza e ricorso alle risorse informatiche e tecnologiche degli interessati. Il protocollo d’intesa ha durata di due anni a partire da oggi e potrà essere rinnovato.

 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui