Cabtutela.it

Bari ha deciso di puntare sui monopattini elettrici, lanciando un nuovo servizio di “sharing” con la speranza che non faccia la stessa fine del bike sharing, messo in ginocchio dai vandali e dalla cattiva manutenzione. Il nuovo servizio, presentato ieri, ha però escluso una parte importante della città: da parte del Libertà a Marconi fino a Santo Spirito passando per il San Paolo. Come si evince dalla mappa sotto. In verde e in arancione sono le zone dove è possibile rilasciare i mezzi presi a noleggio. Nelle restanti parti della città si può circolare ma si deve comunque “rientrare” nei quartieri indicati in verde e arancione per lasciare il mezzo.

Con l’avvento dei monopattini il Comune e la polizia locale hanno deciso di fare rispettare le regole del codice della strada in maniera molto più ferrea. Più volte i monopattini elettrici circolano ad alta velocità sulle zone pedonali, mettendo a rischio i passanti. Ecco le regole da rispettare: il rischio è di una sanzione fino a 400 euro.

Le regole. La circolazione dei monopattini elettrici non è consentita ovunque ed è limitata
agli ambiti spaziali/territoriali di seguito meglio specificati:
• strade urbane con limite di velocità di 50 km/h (dove è consentita la circolazione dei velocipedi),
• strade extraurbane se è presente una pista ciclabile, (ma solo all’interno della pista stessa),
aree pedonali urbane (dove è consentita la circolazione dei velocipedi, ad esempio in via Sparano è vietata). La circolazione sui marciapiedi o sugli spazi riservati ai pedoni è sempre vietata.

I monopattini elettrici devono avere un motore elettrico di potenza nominale continua non superiore a 0,50 kW (500 W) e rispondere ai requisiti tecnici e costruttivi di cui al DM del 4.6.2019, in particolare per quanto attiene a:
• segnalatore acustico,
• regolatore di velocità (preimpostabile a 25 km/h), qualora in grado di sviluppare andature superiori
a 20 km/h. Per l’utilizzo in aree pedonali, il regolatore di velocità deve essere impostato su velocità non
superiore a 6 km/h;
• marcatura CE, prevista dalla direttiva 2006/42/CE.

Per la conduzione su strada è richiesta l’età minima di 14 anni, non è necessaria la patente. I monopattini elettrici, ove consentita la circolazione, non possono superare la velocità di 25 km/h sulla carreggiata e di 6 km/h quando circolano nelle aree pedonali.

Nella conduzione, è obbligatorio:
• circolare in fila unica se le condizioni di traffico lo richiedono e comunque mai affiancati in numero superiore a 2;
• da mezz’ora dopo il tramonto, e di giorno, qualora le condizioni atmosferiche richiedano
l’illuminazione, possono essere condotti solo a mano se sprovvisti o mancanti dei dispositivi di illuminazione;
• avere libero l’uso di braccia e mani;
• reggere il manubrio con entrambe le mani;
• condurre a mano il veicolo quando si può essere di intralcio o pericolo per i pedoni;
• per i minori di 18 anni, indossare idoneo casco protettivo;
• indossare il giubbotto o le bretelle retroriflettenti ad alta visibilità (art. 162 c. 4-ter) nelle ore notturne o di scarsa visibilità.

È vietato:
• trainare o farsi trainare;
• trasportare persone, animali o cose. Tali veicoli devono sempre rispettare il divieto di trasporto passeggeri, in quanto non omologati per tale finalità.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui