Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

BARI – E’ il 24 giugno. Il sindaco Antonio Decaro, dopo le rapine e le aggressioni in piazza Cesare Battisti e piazza Umberto, firma un’ordinanza, seguendo quanto già fatto dal suo predecessore, Michele Emiliano, ma eliminando la voce degli “sguardi di sfida”. Nel provvedimento vengono imposti sette divieti: «Divieto di accesso e circolazione di veicoli a motore di qualsiasi genere. Divieto di accensione di fuochi di artificio e petardi. Divieto di circolazione di cani senza guinzaglio e museruola, con obbligo di raccolta delle deiezioni canine. Divieto di danneggiare e imbrattare giochi o elementi di arredo e di calpestare le aiuole, di abbandonare rifiuti al di fuori dei contenitori di raccolta. Divieto di bivaccare, intendendosi per “bivacco” sdraiarsi, dormire, disporre giacigli, stazionare o consumare cibi e bevande in maniera scomposta o contraria al decoro. Divieto di schiamazzare o gridare. Divieto di compiere qualsiasi attività in contrasto con la conservazione e il decoro dei luoghi e monumenti (arrampicarsi su statue, pali, imbrattare panchine o fioriere)». Nel provvedimento inoltre si annunciava l’installazione di 28 telecamere (12 in piazza Battisti e 16 in piazza Umberto), la rimozione dei gazebo e l’incremento dell’illuminazione.

\r\n

Oggi l’ordinanza (che ha portato ad un potenziamento di controlli, ma a poche multe soprattutto nei confronti di chi usava le aiuole come bagni pubblici) non è più in vigore. La situazione, dal punto di vista della sicurezza, è migliorata a detta dei comitati cittadini, ma solo durante il giorno e in alcune fasce orarie. Spaccio e vandalismo continuano comunque a imperversare nelle due piazze storiche.

\r\n

Piazza Cesare Battisti

\r\n

Su questa piazza di progetti per il rilancio ce ne sono tanti. Così come tante sono le promesse. Prima tra tutte l’installazione di telecamere di sicurezza. “Le stiamo aspettando – racconta Stefano Milano, rappresentante del comitato di piazza Cesare Battisti – così come aspettiamo un potenziamento dell’illuminazione. La situazione è migliorata grazie ai continui presidi delle forze dell’ordine. Ma la sera, appena cala il buio, i residenti tornano ad avere paura”. Dopo le 8 e 30 c’è chi preferisce girare per via Andrea da Bari o via De Rossi piuttosto che attraversare la piazza, al buio.

\r\n

Altra questione è quella della manutenzione: mancano ancora delle panchine, dei lampioni distrutti dai vandali. Ma la decisione dell’amministrazione di eliminare i gazebo per rendere tutto più visibile e quindi ridurre le attività di spaccio, ha senza alcun dubbio avuto buoni riscontri.

\r\n

Piazza Umberto

\r\n

Piazza di migranti, di badanti e in alcuni orari di spacciatori. Piazza Umberto, presidiata continuamente dalla forze dell’ordine, è riuscita a respirare un po’ rispetto a qualche mese fa, quando le aggressioni e le risse erano all’ordine del giorno. “Ma chi vuole compiere atti illeciti – spiega Lorenzo Scarcelli, presidente del comitato dei residenti – ormai si sta adeguando e cambia orari e posti in base a dove si posizionano i poliziotti. Noi vogliamo le telecamere che ci sono state promesse”. Intanto il 26 è in programma una manifestazione dei residenti: “In coro per piazza Umberto”. “Sarà un modo per fare rivivere questa area. Inoltre sono finiti i lavori di restauro del palazzo dell’ex Goccia del Latte – conclude Scarcelli – e il comitato si sta autotassando per posizionare una targa in ricordo dell’importanza di questo edificio storico”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui