Cabtutela.it
acipocket.it

INGREDIENTI:\r\n\r\n500gr farina = 250 00 + 250 semola rimacinata\r\n\r\nUna Patata lessa media circa 80gr\r\n\r\nUn cucchiaio colmo, ma raso, di sale\r\n\r\nDue cucchiai di olio extravergine\r\n\r\nAcqua temperatura ambiente qb\r\n\r\nUn panetto di lievito di birra da 25gr sciolto in una tazza di acqua tiepida\r\n\r\nOlive baresi verdi in acqua qb\r\n\r\nPomodorini maturi qb\r\n\r\nOrigano qb\r\n\r\nCenni storici\r\n\r\n \r\n\r\nBen 3000 anni prima della pizza vide la luce un impasto fatto di miglio, orzo, acqua e sale, che i Fenici cuocevano con una ricca quantità di grasso. Nel II sec. a.C., Catone il Censore, politico, storico, generale e scrittore dell’antica Roma, raccontava di un impasto di forma rotonda cotto sulla pietra con olio d’oliva, spezie e miele, chiamato panis focacius (panis= pane, focus= fuoco), dal latino pane schiacciato sotto le ceneri del focolare. Secondo alcuni questo tipo di focaccia nasce probabilmente ad Altamura o Laterza, come variante del tradizionale pane di grano duro, molto probabilmente al fine si sfruttare il calore iniziale forte del forno a legna. Essendo un prodotto legato alla tradizione la ricetta tramandata, di generazione in generazione, presenta numerose varianti perlopiù in base alla collocazione geografica.\r\n\r\nLa rezzètte, nonn-è na rezzètte ditte da nu panettìire, ma da na fèmmene de case ca prepare la fecazze che ttutte u sendemènde. Se mbaste la farine ch’u levate. Ce se vole fà na masse cchiù mmodde, nzìim’a la farine se mètte ngocche patane allèsse. Se mètte a crèssce iìnd’a la stèssa tièdde a ddò se cosce, se ngelescèsce abbondànde iègghie, sott’e ssope a la masse. Dope nu pare d’ore ca la masse ave cresciùte s’acconze che nu picche de sale, abbondànde pemedòre, nu bbèlle piène de fremmagge grattate e na bbèlla chèdde d’arighene sparnazzàte  sope. Acquànne s’ave cotte se pote mangià calde accome ièsse do furne, o se no nu picche sfreddesciùte; m-mènze se pote mètte ngocch’e ffèdde de mertadèdde, o nu picche de recotte, o cchèdde ca cchiù piàsce. [Fonte: http://www.dondialetto.it/dialettoasp/articles.asp?id=40]\r\n\r\n \r\n\r\nIl procedimento di Pintux\r\n\r\nLavorare farina, patata lessata, raffreddata e precedentemente passata allo schiaccia patate, olio, sale e lievito e acqua versandola poco per volta. L’impasto dovrà risultare molto morbido e appiccicoso, MAI sodo e asciutto!!!\r\n\r\nFoderate una teglia con carta forno ben oliata. Adagiate il composto, schiacciando delicatamente con le mani oliate fino ad aderire ai bordi della teglia, il composto deve risultare ben oliato.  Fate lievitare nel forno spento per circa 2 ore senza coprire se in estate, coperta se in inverno (noterete il volume raddoppiato…circa).\r\n\r\nIn una coppa condite i pomodorini tagliati a metà con origano, olio, e le olive baresi ben scolate dalla loro acqua. Riponete la coppa in frigo.\r\n\r\nCondite la focaccia solo dopo la lievitazione, e quando avete finito di condire aggiungete un bel filo di olio.\r\n\r\nAccendete il forno e infornate a 200° STATICO per 30 minuti e controllare sempre a occhio. Quando riterrete abbastanza bionda e ambrata la superficie…sfornate. Consiglio gli ultimi 5 minuti in forno spostate la teglia verso il basso fondo.\r\n\r\nTogliate la focaccia dalla carta forno e adagiatela a raffreddare su una graticola…poi incominciate pure a godere.\r\n\r\nIdeale la degustazione “fecazze, cozze gnòre e prevolòne”…


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui